Bambini

http://www.studioautieridoglio.it/sites/default/files/styles/slider/public/9%20-%20autieri_doglio_servizi_18.jpg?itok=tOe8rcT3

Obiettivo Carie Zero 3-6 anni

I denti da latte si completano intorno al 3° anno e rimangono fino al 6° anno d’età quando, poco alla volta, iniziano a cadere spontaneamente per essere sostituiti dai corrispettivi denti permanenti.

I denti da latte ricoprono un ruolo fondamentale perché, come se fossero delle guide, permettono ai denti permanenti di svilupparsi bene e di erompere sani, nel punto giusto e correttamente allineati.

È quindi estremamente importante mantenerli in buona salute perché la caduta prematura, dovuta alla carie o in seguito ad un trauma, provoca complicazioni nello sviluppo delle ossa mascellari e dei denti permanenti e innesca altre problematiche concatenate che riguardano la digestione del cibo, lo sviluppo del linguaggio e l’autostima del bambino.

Il periodo dei denti da latte è quindi una fase delicata e importante alla quale lo Studio Dentistico Autieri&Doglio dedica assoluta priorità con Obiettivo Carie Zero 3-6 anni, un programma di due incontri annuali basati sul divertimento e sul gioco in cui Dentista, Ortodontista e Igienista Dentale uniscono le loro competenze per:

  • educare il bambino alla prevenzione
  • controllare la salute dei denti da latte e delle gengive
  • verificare lo sviluppo armonico dei denti e delle ossa del viso
  • ridurre il rischio di sviluppare carie o altre malattie dentali (ad esempio la gengivite)
  • ridurre il rischio di incorrere in traumi dentali

In particolare:

Il Dentista:

  • accerta la salute delle gengive e dei denti da latte. Se necessario cura la carie o la malattia dentale prima che l’infezione raggiunga la radice e danneggi anche lo sviluppo del dente permanente ancora prima di nascere
  • applica sullo smalto dei denti una formula concentrata di gel ricco di fluoro utile per rinforzarli e contrastare l’azione dei batteri della carie
  • previene i traumi dentali spiegando al bambino i rischi che derivano da comportamenti pericolosi durante il gioco e l’attività sportiva. Spiega ai genitori cosa fare in caso di frattura di un dente

 

L’Ortodontista:

  • verifica lo sviluppo armonico dei denti e delle ossa del viso e l’evolversi corretto della masticazione, deglutizione, respirazione e sfera fonetica
  • intercetta le malocclusióni, e cioè i combaciamenti difettosi delle due arcate dentarie causati da alterazioni scheletriche, muscolari e dentarie di origine genetica (affollamento e malposizione dentaria, denti soprannumerari, diastemi, mancanza di alcuni elementi dentali, crescita ossea mascellare o mandibolare in difetto o in eccesso, asimmetria del viso e della bocca, malformazioni), congenita (anomalie dello sviluppo intrauterino dovute a farmaci, agenti infettivi, sostanze tossiche e radiazioni) o ambientale (cattive abitudini prolungate, deglutizione infantile o atipica, respirazione orale,  perdita prematura dei denti da latte). Se necessario effettua o pianifica un piano di trattamento per garantire l’armonia del viso e il buon funzionamento del cavo orale e dei suoi annessi.
  • elimina le cattive abitudini (succhiare il pollice, il ciuccio ecc.) che provocano scorretto sviluppo del palato, scorretta occlusione e protrusioni dentarie (sporgenze) che influenzano negativamente l’armonia del viso e determinano problemi all'accrescimento scheletrico, alla deglutizione e allo sviluppo del linguaggio. Le sporgenze dei denti inoltre determinano, in caso di traumi, un rischio maggiore di frattura dei denti anteriori.
  • effettua, se necessario, un “trattamento preventivo” che assicura la crescita normale dei denti da latte e un’occlusione corretta
  • controlla lo spazio in arcata: se il bambino ha perso precocemente un dente da latte, valuta la possibilità di applicare un dispositivo per mantenere lo spazio che servirà al dente permanente per erompere e crescere in posizione corretta

L’Igienista Dentale:

  • educa il bambino alla prevenzione motivandolo all’uso dello spazzolino e insegnandogli ad utilizzarlo correttamente da solo senza deglutire il dentifricio (5 anni circa)
  • insegna ai genitori a passare il filo interdentale nel bambino e pone le basi nel bambino per utilizzare correttamente il filo da solo quando la sua abilità motoria sarà ben sviluppata (7 anni circa)
  • pulisce e lucida i denti da macchie e tartaro
  • fornisce consigli ai genitori sull’alimentazione corretta da seguire per avere denti da latte forti e resistenti (in sinergia con il Pediatra)

 

Per informazioni: contattaci

Per approfondire:

  • I Bambini, AIC Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa
  • Fluoroprofilassi, AIC Accademia Italiana di Odontoiatria Conservativa e Restaurativa