Bambini

http://www.studioautieridoglio.it/sites/default/files/styles/slider/public/equipe-header_0.jpg?itok=ApkItrvj

Obiettivo Carie Zero 6-12 anni

Il bambino tra i 6 e i 12 anni circa presenta una “dentizione mista” perché sono presenti:

  • i denti da latte, che poco alla volta cadono spontaneamente
  • i denti permanenti che sostituiscono i corrispettivi denti da latte
  • i denti permanenti in fondo alla bocca (4 molari e 4 premolari) che non sostituiscono nessun dente da latte, ma si sviluppano quando si crea uno spazio posteriore della mandibola con lo sviluppo generale del bambino.

I denti permanenti non erompono già maturi, ma la formazione della radice e l’indurimento si completano dopo tre anni dall’eruzione grazie al calcio presente nella saliva. In questo periodo i denti sono più fragili e quindi maggiormente esposti a carie e traumi che possono causare la perdita del dente o la sua decolorazione per morte delle cellule della polpa dentale. È estremamente importante mantenerli in buona salute (devono durare tutta la vita!) perché la loro perdita provoca un danno che richiede cure aggiuntive e innesca altre problematiche concatenate che riguardano la digestione del cibo, lo sviluppo del linguaggio e l’autostima del bambino.

Il periodo della dentizione mista è una fase importante alla quale lo Studio Dentistico Autieri&Doglio presta la massima attenzione con il programma Obiettivo Carie Zero 6-12 anni, due incontri annuali basati sul divertimento e sul gioco, utili sia per perseguire gli obiettivi del periodo precedente sia per raggiungerne di nuovi.

In questa fase di continua evoluzione il Dentista, l’Ortodontista e l’Igienista Dentale uniscono le loro competenze per:

  • consolidare nel bambino l’importanza dell’igiene orale e della prevenzione
  • controllare la salute delle gengive, dei denti da latte e di quelli permanenti
  • verificare lo sviluppo armonico dei denti e delle ossa del viso
  • ridurre il rischio di sviluppare carie o altre malattie dentali (ad esempio la gengivite)
  • ridurre il rischio di incorrere in traumi dentali

In particolare:

Il Dentista:

  • accerta la salute delle gengive, dei denti da latte e dei denti permanenti. Prescrive, se necessario, esami diagnostici per curare la carie o la malattia dentale prima che possano peggiorare
  • applica sullo smalto dei denti una formula concentrata di gel ricco di fluoro, utile per rinforzarli e contrastare l’azione dei batteri della carie
  • effettua la sigillatura dei molari e premolari permanenti. La sigillatura è un’importante arma di prevenzione che si realizza applicando un sigillante nei solchi e nelle fessure, i luoghi ideali per l'annidamento e la proliferazione dei batteri della carie. Il sigillante è una resina che protegge il dente perché, come uno scudo, impedisce alla placca batterica di penetrare dentro i solchi evitando lo sviluppo della carie. Il trattamento è atossico, indolore, non richiede anestesia e dura diversi anni.
  • ritocca le sigillature usurate dal tempo per non lasciare scoperta nessuna zona dalla protezione anticarie
  • consolida la prevenzione dai traumi dentali spiegando al bambino i rischi che derivano da comportamenti pericolosi durante il gioco e l’attività sportiva

L’Ortodontista:

  • verifica nel tempo lo sviluppo armonico dei denti e delle ossa del viso e l’evolversi corretto della masticazione, deglutizione, respirazione e sfera fonetica. Prescrive, se necessario, approfonditi esami diagnostici per verificare presenza e posizionamento dei denti permanenti, compresi quelli non ancora erotti.
  • intercetta le malocclusióni, e cioè i combaciamenti difettosi delle due arcate dentarie causati da alterazioni scheletriche, muscolari e dentarie di origine genetica (affollamento e malposizione dentaria, denti soprannumerari, diastemi, mancanza di alcuni elementi dentali, crescita ossea mascellare o mandibolare in difetto o in eccesso, asimmetria del viso e della bocca, malformazioni), congenita (anomalie dello sviluppo intrauterino dovute a farmaci, agenti infettivi, sostanze tossiche e radiazioni) o ambientale (cattive abitudini prolungate, deglutizione infantile o atipica, respirazione orale,  perdita prematura dei denti da latte). Se necessario effettua o pianifica un piano di trattamento correttivo per garantire l’armonia del viso e il buon funzionamento del cavo orale e dei suoi annessi.
  • controlla lo spazio in arcata: se il bambino ha perso precocemente un dente da latte, valuta la possibilità di applicare un dispositivo per mantenere lo spazio che serve al dente permanente per erompere e crescere in posizione corretta
  • effettua, se necessario, un “trattamento intercettivo” utile per correggere problematiche della crescita cranio-facciale e per prevenire malocclusioni che richiedono cure più importanti.
  • effettua, se necessario, un “trattamento funzionale” con l’applicazione di dispositivi che orientano la crescita ossea mandibolare e mascellare verso la posizione corretta. Questo trattamento è un’importante cura preventiva perché, nell’adulto, le alterazioni complesse dello scheletro si possono risolvere solo chirurgicamente con un intervento del Chirurgo Maxillo-facciale
  • Prescrive, se necessario, l’uso di paradenti per attività sportive a rischio di contatto o trauma della faccia (basket, calcio, hockey, rugby ecc.)

L’Igienista Dentale:

  • rafforza nel bambino l’importanza della prevenzione: gli insegna come sono fatti i denti, che cosa può avvenire loro se non vengono lavati bene e cosa deve fare per mantenerli sani per tutta la vita
  • consolida le tecniche per utilizzare spazzolino, dentifricio e filo interdentale correttamente e da solo, a casa e a scuola
  • pulisce e lucida la superficie dello smalto che protegge i denti, per renderli meno ritentivi alla formazione di placca e per rimuovere tartaro e macchie di origine alimentare
  • fornisce consigli ai genitori sull’alimentazione corretta da seguire per la salute orale del bambino (in sinergia con il Pediatra)

Per informazioni: contattaci

Per approfondire: